Tumori del Sistema Nervoso

Una visione d'insiemeChe cosa sono i Tumori del Sistema Nervoso

I tumori del sistema nervoso sono neoformazioni che possono insorgere in una delle componenti del sistema nervoso centrale (encefalo, cervelletto e midollo spinale) o periferico (nervi). In base alla loro localizzazione possono essere responsabili di uno spettro molto ampio di sintomi.

EPIDEMIOLOGIA

Nel 2018 in Italia sono stati 6100 i nuovi casi di tumori maligni del Sistema Nervoso Centrale, l’1,6 % di tutti i nuovi casi di tumore. I tassi di incidenza non mostrano attualmente fluttuazioni geografiche rilevanti fra Nord, Centro e Sud Italia. In età pediatrica (fino ai 15 anni) i tumori del Sistema Nervoso Centrale rappresentano il 13 % di tutti i tumori, collocandosi al terzo posto dopo le leucemie e i tumori del tessuto connettivo. Nel 2015 i decessi per tumori maligni del Sistema Nervoso Centrale sono stati 4118 (3% di tutti i decessi per tumore), rappresentando la dodicesima causa di morte. Il tasso di sopravvivenza a 10 anni si attesta intorno al 21 % ; tale percentuale tende a diminuire drasticamente con l’avanzare dell’età. Tra i tumori primitivi del Sistema Nervoso Centrale le forme maligne, in particolare il Glioblastoma, rappresentano l’istotipo più frequente.

CLASSIFICAZIONE

A seconda della loro origine si distinguono in:

  • tumori primitivi: si sviluppano a partire dalle cellule del sistema nervoso che infiltrano il tessuto circostante o lo comprimono formando un processo espansivo; sulla base del comportamento biologico (velocità di crescita ed invasività) si riconoscono forme benigne e maligne.
  • tumori secondari o metastasi: originano da cellule neoplastiche di tumori insorti in altri organi (in genere polmone e mammella) che attraverso il circolo ematico si localizzano nel sistema nervoso.

La classificazione dei tumori del sistema nervoso centrale è stata revisionata nel 2016 ed è disponibile alla seguente pagina: WHO 2016

SINTOMI

I sintomi di un tumore che colpisce il sistema nervoso dipendono principalmente dalla sede coinvolta.

Nei tumori cerebrali possono essere coinvolte aree altamente funzionali (aree eloquenti) fondamentali per l’espressione verbale, la lettura, la scrittura, la coordinazione motoria e la sensibilità del corpo.  Queste aree funzionano come terminali sui quali afferiscono miriadi di connessioni e pertanto una lesione in tali sedi può generare disturbi neurologici complessi difficilmente recuperabili. Altri centri nervosi invece sono meno interconnessi e un loro coinvolgimento compromette meno le funzioni neurologiche del paziente che potrà avere maggiori possibiltà di recupero funzionale.

Nei tumori spinali i sintomi possono essere  dovuti ad una compressione del midollo spinale o delle radici nervose. Nel primo caso il paziente può presentare disturbi motori (in alcuni casi severi) come la paralisi degli arti o della sensibilità (in genere perdita progressiva della sensibilità). Nel caso di interessamento di una o più radici nervose il paziente può presentare dolore incoercibile e farmacoresistente con possibile perdita di funzione della radice interessata e conseguente deficit motorio e/o sensitivo del dermatomero (area del corpo) interessato.

DIAGNOSI

La diagnosi si avvale di metodiche strumentali, principalmente TAC e RMN, che possono fornire informazioni sulla sede e sulla natura della patologia. La diagnosi necessita comunque della conferma istologica sul tessuto neoplastico (leggi la sezione dedicata alla diagnosi).

TRATTAMENTO

Per i tumori del sistema nervoso chirurgia, radioterapia e chemioterapia possono essere utilizzate separatamente o in combinazione fra loro. La scelta della metodica dipende da diversi fattori: dalla natura del tumore (maligno o benigno, primitivo o secondario), dalla sua sede ed estensione e soprattutto dalle condizioni cliniche del paziente. In ogni caso la scelta del trattamento prevede un approccio multidisciplinare ed un’approfondita discussione collegiale sulle specifiche caratteristiche di ciascun caso (leggi la sezione dedicata al trattamento).

RIABILITAZIONE

I pazienti affetti da Tumori del Sistema Nervoso spesso necessitano di un periodo di riabilitazione a causa della compromissione di una o più funzioni motorie, cognitive e/o comportamentali sia per effetto diretto della malattia, sia come esito dei trattamenti effettuati. L’intervento riabilitativo è personalizzato ed è volto al pieno recupero dell’autonomia individuale (leggi la sezione dedicata alla riabilitazione).