Il Covid e la Gerarchia delle malattie

AIRNO e PandemiaIl Nostro Impegno al tempo del Covid

La pandemia sta mettendo alla prova la nostra civiltà. Le drastiche misure adottate dal Governo appaiono indispensabili per contenere il contagio, ma possono avere importanti ripercussioni sul nostro tessuto sociale. Inoltre, anche il servizio sanitario risulta colpito dall’attuale stato di emergenza, che rischia di condizionare la gestione delle altre patologie, in particolar modo di quelle oncologiche.

Un delicato equilibrio. La nostra Società è cresciuta ed è attualmente sostenuta da un delicato equilibrio fra tutti Noi. Diversi settori ritenuti “superflui” fino allo scorso secolo sono diventati oggi “fondamentali” e vedono impiegati moltissimi professionisti che hanno dedicato a tali attività la loro vita. Questo delicato equilibrio non solo necessita, ma anche contribuisce al benessere della Società in cui viviamo.

La gerarchia del benessere ed il Covid. La pandemia ha annullato le nostre sicurezze ed ha ribaltato le priorità che ciascuno di Noi ha assegnato alla propria vita. Attività ritenute fondamentali fino a pochi mesi fa sono diventate superflue oggi, mortificando i professionisti che hanno contribuito al benessere della nostra civiltà.

La destrutturazione dei rapporti umani. Il Coronavirus ha inoltre ribaltato le nostre esigenze fisiologiche di contatto fisico, rubandoci il piacere della condivisione e della convivenza libera fra individui. Gli strumenti tecnologici mai sostituiranno un abbraccio. Oggi esaltiamo la potenza della tecnologia, ma forse un domani rimpiangeremo di essere stati costretti a perdere la nostra umanità.

La nuova realtà. Sport, cultura, intrattenimento e tutto ciò che prevede un contatto umano oggi viene ritenuto “superfluo“, fruibile esclusivamente attraverso la tecnologia e senza il lavoro di professionisti attualmente tenuti ai margini della Società.

La gerarchia delle malattie. Il Covid ha inoltre incredibilmente ristabilito la “gerarchia” delle priorità in ambito sanitario. Analogamente a quanto sta accadendo ai succitati settori, la Società sta rischiando di dimenticare le malattie oncologiche ed in particolare le esigenze delle famiglie e dei pazienti che soffrono di tali patologie. Stesso destino pare riservato a tante altre persone colpite da malattie croniche o che interessano la mente.

Il nostro impegno. AIRNO intende proseguire con forza e determinazione la propria missione potenziando gli attuali Servizi per i malati neuro-oncologici e senza dimenticare che non deve mai esistere ed essere sostenuta una gerarchia delle malattie.

Non sconfiggeremo il Covid, ma il Covid non avrà mai la meglio sul nostro impegno e sulla nostra fiducia.

 

La Presidentessa AIRNO

Sig.ra BATTAGLIOLA Fabrizia

Il responsabile del CTS AIRNO

Dr PANCIANI Pier Paolo